Can’t Find A Better Man aka Paragoni Impossibili

che ci possiamo fare, le evito tutte: sanValentino, Anniversari, Capodanni Romantici, Natali sotto l’Albero…ma a sto giro voglio tuffarmi di testa nel cliché..

nonostante i miei costanti lamenti, le mie paturnie ed analisi varie..la mia costante ricerca dell’inesistente e impossibile principe azzurro ( che ammettiamolo: non è chiaro com’è neanche in fantasia), io ho un uomo perfetto accanto a me.

uno che potrebbe fare qualsiasi cosa, che potrebbe essere in qualsiasi modo, dire qualsiasi sciocchezza e comunque, non potrei farne a meno.

Come ogni storia d’amore è complicata, ha avuto i suoi alti e bassi..ma è sempre una storia d’amore..

è iniziata come una storia a distanza..non c’era all’inizio, non c’era sempre, non c’era neanche per le cose fondamentali; ma quando c’era era come se fosse sempre stato li..

..e ora che c’è, c’è troppo: litigavamo e litighiamo per tutte ( e tutte intendo tutte) le piccole cazzate che riempiono una giornata..facciamo le stesse cose e c’è le rinfacciamo insieme nello stesso momento..e quando non succede le mie giornate sono inutili..

posso non parlarci per giorni eppure alle volte è l’unico che capisce che ho bisogno che mi stia seduto accanto in silenzio, solo per un po’..e resiste alla tentazione di andare a dormire..

non mi riempie di baci..ma non mi fa mai mancare nessuno di quelli necessari,

ha ferito me e tutti quelli che gli stavano intorno, ma non voleva; ho ferito lui e tutti quelli che mi stavano intorno, ma non volevo..

siamo così uguali che non ci riconosciamo l’uno nell’altra..e gli altri non vedono la differenza..

..è quello che quando torno a casa mi chiede:

– devo prepararti qualcosa per cena?

– no grazie..

–  e che ti mangi?

– non lo so..ma quando mai tu prepari da mangiare per me?

– boh chiedo..magari stasera avevi cambiato idea..

-vado a fare la spesa, vuoi qualcosa?

(alternative)

-si un pezzo di formaggio..ma piccolo però!!! (una forma, forse due)

– una fetta di carne (un quarto di bue)

– un pacco di biscotti ( scorta annuale)

– due yogurt ( 20…cazzo scadono!!!)

– mele ( 3 cassette)

…quello che: ti sei fatta rubare (FATTA RUBARE (implicito che se uno stronzo mi ruba la bici è colpa mia )) un’altra bicicletta..si’ tuut’scem..

e la mattina dopo me ne fa trovare una nuova..

..quello che quando glielo chiedo non è sicuro di quanti anni ho..ma affronta da solo la fila da Tiffany per comprarmi il regalo

..il santo che mi fa il pieno alla macchina, la lava quando arriva al limite sostenibile, cambia l’olio e mentre lo fa non si lamenta neanche troppo..mi presenta solo la lista degli scontrini

quello che tutte le sere mi chiede a che ora mi devo svegliare, così la mattina sa se deve controllare che mi alzi o no..

quello che credo avrebbe tanta voglia di svegliarmi di nuovo a bottigliate d’acqua..

quello che ho visto ridere fino a cadere dalle sedie..quello che critica la mia cucina..quello che ha pianto

quello che mi faceva guardare per 3 giorni la stessa videocassetta in loop perché aveva da fare

quello che mi portava alle giostre e non c’era alla fine del giro,

che mi accompagnava scuola mezz’ora prima per poi decidere di stare in macchina mezz’ora ad  aspettare con me perché faceva troppo freddo,

quello che mi faceva mangiare il pollo piccante e bere la birra per digerire..

quello che è sempre stato e sempre sarà l’uomo della mia vita..

l’uomo con cui nessuno potrà mai essere paragonato

l’unico che sempre cercherò di rendere felice e che mai potrà deludermi..

l’unico a cui è permesso prendersi cura di me e l’unico di cui sempre mi preoccuperò

l’uomo di cui sono fiera di essere figlia

il papà più stupido del mondo..il mio papà

l’uomo che amo e che mi ama incondizionatamente, nonostante tutto , nonostante io sia una pessima persona.

 

 

Pe tutta a vita st’Omme te sta accante,
e tu, a stiente, t’accuorge che sta llà,
p’e figlie fa ‘e tutto, e nun se vante,
e soffre spisso senza mai parlà.

E comme a S. Giuseppe, zitto e muto,
s’abbraccia ‘a croce e fa ‘o vulere ‘e Dio:
fatica, prega e resta scanusciuto,
e quanno chiagne…chiagne,
t’ ‘ dich’io!

Si pure tene ‘mpietto nu dolore,
o stesso, p’a fatica, esce ‘a matina;
p’ ‘a famiglia, è ‘nu martire d’ammore,
all’ufficio, a ‘o negozio o all’officina.

Te vò bene e t’ ‘o dice quasi maje,
te fa l’elogio, si nun staje presente;
te vase ‘nfronte quanno a durmi’ staje;
pe’ na carezza, gode veramente.

Si te richiama, o’ ffa pè vero amore;
pè te dà gioia, soffre tutt’e’ ppene;
e ogni ghiuorno se consuma ‘o core,
pecchè è pate, è vecchio i è piccerillo.

Salutalo quante jesci e quante tuorne,
e falle qualche vòta ‘na carezza:
t’accuorgi ampressa ca te gira attuorne,
suspiruso e te fa ‘na tenerezza.

‘O bene che fa ‘o pate l’annasconne,
pecchè è ommo…e ll’omme accussì fa:
quanne ‘o figlio se sceta ‘a dint’ ‘o suonne,
quanno sposa e addeventa isso Papà.

O PATE – Eduardo de Filippo


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...