You Have One Saved Message

Gemmea l’aria, il sole così chiaro
che tu ricerchi gli albicocchi in fiore,
e del prunalbo l’odorino amaro
senti nel cuore…
Ma secco è il pruno, e le stecchite piante
di nere trame segnano il sereno,
e vuoto il cielo, e cavo al piè sonante
sembra il terreno.
Silenzio, intorno: solo, alle ventate,
odi lontano, da giardini ed orti,p
di foglie un cader fragile. E’ l’estate
fredda, dei morti.

Novembre – Giovanni Pascoli

e così è novembre, così come se nulla fosse si è permesso di arrivare subdolo e malefico..

novembre è un mese pessimo..

l’abbronzatura, il caldo del sole sono un dannato ricordo;

il rumore delle onde, sapete quello che fa sottofondo quando siete sdraiati in dormiveglia sulla spiaggia, dimenticato;

l’euforia per il ritorno a scuola…quella dei primi dieci minuti del primo giorno per intenderci, un falsa verità..;

natale, le luci, i regali..un miraggio lontano…

novembre è proprio un mese dimmerda…è inverno, ma non inverno, c’è una luce strana, il freddo è più freddo perché il corpo non si è ancora abituato al vero freddo, o perché come me avete ancora i cassetti pieni di vestiti leggeri abbandonati alla loro sorte, in attesa che torni il loro tempo, per il quarto tentativo di cambio di stagione non andato a buon fine…

la musica..cazzolamusica: ciò che esce ora ha tutte le sfumature possibili della malinconia..anzi vi dirò di più, anche il mio shuffle è in clima: oggi salgo in treno, acccendo, prima canzone: malinconia luca carboni..true story, non ricordo neanche di averla scaricata.

gennaio hai i fine settimana in montagna, il mio compleanno, la befana, i saldi;

febbraio: carnevale, san valentino, poi comunque dura poco.

a marzo aspetti la primavera…dai cazzo la primavera

aprile pasqua pasquetta e mo mi metto a dieta no perché sennò poi diventa davvero troppo tardi..

a maggio ricominciano i concerti all’aperto, i tavoli fuori dai bar ritornano a rianimarsi non solo degli impavidi fumatori, per la dieta è troppo tardi..ci sono le ciliegie…che voglio dire, basterebbero quelle..

giugno è una figata di per se..se ci scappa anche un fine settimana lungo al mare poi è uno scpettacolo..gli aperitivi si allungano..i concerti passano negli stadi..la domenica si griglia..finisce la scuola..le ferie sono li ad un passo..

luglio le città iniziano a svuotarsi e tu che rimani a casa, per ovvie ragioni lavorative, per amore, per asenza di fondi..inizi davvero a goderti lo spazio intorno, sono tutti più rilassati…mi piace anche milano a luglio..

ad agosto che da braci italiani si sia in ferie o meno è agosto..lamentatevi del caldo degli uffici chiusi quando ne avete bisogno, dei mezzi pubblici che danno forfait in continuazione..ma per principio agosto è agosto..

settembre è il mio secondo mese preferito..una giacca leggera e si ritorna nella routine che è ancora novità..i ricordi sono ancora vividi..la gente affolla ancora i fuori dei locali, il buon umore è ancora lì, le lampade si possono spacciare per abbronzatura..le scarpe sono ancora aperte..i bambini fastidiosi sono tornati a scuola.

a ottobre ci sono i primi profumi d’autunno, le foglie cambiano colore, le cantine sono aperte..devo aggiungere altro?

dicembre: non si deve spiegare dicembre è shopping è festa è natale è feria dell’artigianato è che tutti sono obbligati ad essere più buoni, è una poltrona per due, mamma ho perso l’aereo e il classico Disney la notte della vigilia, è mangiare fino all’inverosimile perché: ” vabbè tanto è natale” “ma è il tre dicembre””e vale lo stesso, ci pensiamo l’anno prossimo, oramai”

MA NOVEMBRE…dai novembre?!!?? i morti!!! devo aggiungere altro..

ricordo che quando andavo a scuola novembre era il mese delle verifiche: a settembre si inizia, a ottobre si spiega a novembre iniziano le verifiche.. è storicamente un mese di merda..

e poi iniziava con la processione obbligatoria al cimitero.

io non vado più al cimitero, ma ai tempi la via crucis tra un parente sconosciuto e l’altro era obbligatoria come la messa di natale..almeno a casa mia: si andava al cimitero perché se non ti vedevano al cimitero poi la gente che pensava…ti dovevano vedere che eri andato, se poi si passava la giornata a spettegolare alla lapide di un parente altrui poco importava..l’importante era esserci..e io c’ero..trascinata, con le candele in una mano e i crisantemi nell’altra..

20131101-164456.jpg

20131101-164535.jpg

Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. ylian89 ha detto:

    Qui al sud sembra ancora estate xD
    Per me novembre passa in un lampo, più che altro è un mese “vuoto”, di solito non succede niente al di fuori del normale

  2. ScatenoLaMente ha detto:

    Mi piacciono un sacco le tue facce, le guardo sempre e sorrido .. oltre tutto ciò che scrivi .. naturalmente .. 😉

    1. just2minutes ha detto:

      Ahahhhh
      Grazie..la faccia è parte integrante del discorso;)

      1. ScatenoLaMente ha detto:

        ci azzecca sempre …. 😀
        -piacevolissima-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...