It’s funny how you just break down – ?+?

In principio c’è Blue. Più tardi c’è White, e dopo ancora Black, e prima del principio c’è Brown. È Brown che l’ha svezzato, Brown che gli ha insegnato il mestiere, e quando Brown è invecchiato Blue ne ha preso il posto. È così che comincia: il luogo è New York, il tempo è il presente, e né l’uno né l’altro cambieranno mai. Ogni giorno Blue va in ufficio e siede alla scrivania aspettando che accada qualcosa. Non capita niente per un pezzo, finché un uomo di nome White varca la soglia, ed è così che comincia.

Ghosts – Paul Auster

 

al mondo esistono due tipi di persone soltanto…gli uomini e le donne..

e già così le cose sono abbastanza complicate..

me lo ricordo anche quando tutto è iniziato…avevo 5 anni, prima elementare…i miei hanno rubato un anno alla mia innocenza..e lui era Umberto..

ero innamorata senza sapere bene cosa significasse..per me significava scrivergli letterine con tanto di disegnini rappresentanti umanoidi, che mostravano strani toraci a forma di cuore (mai stata in grado di disegnare).

i bigliettini glieli nascondevo nelle tasche della giacca, nel cestino in refettorio (refettorio refettorio…andavo dalla suore, non era mensa..era refettorio..punitivo anche il nome) o in mezzo ai quaderni..

quando lui li trovava e mi veniva vicino io negavo…negavo sempre..se lui non mi credeva lo spintonavo malamente e scappavo…veloce..lontano..il più lontano possibile si potesse scappare in un cortile delle suore..e lo guardavo da lontano..

il mio secondo grande amore è stato Ivan..abitavo già a como..era il bambino più bello che avessi mai visto…sembrava un angelo..

le letterine a lui non avevo il coraggio di consegnarle..ero già in crisi in un paese straniero..un giorno le ha trovate mio padre: il suo massimo divertimento, insieme al botolo che era mio fratello, era prendermi in giro ..deve essere per quello che ho il vizio di negare i miei sentimenti anche agli amici più cari…e inizio a capire perché qualcuno..Gianma non faccio nomi..trovi appropriato il soprannome Numero5..

almeno in questo caso non picchiavo lui..picchiavo mio fratello, lo rincorrevo in cortile a scuola mentre lui urlava ai quattro venti “tu ami cipollino tu ami cipollino”.

poi lui si è trasferito..a ventimiglia..e la pausini cantava: marco se ne è andato e non ritorna più..io soffrivo..altri, miseri esseri..mi canzonavano..il danno e la beffa..

questa è solo l’antitesi dei miei futuri comportamenti..nonostante siano passati vent’anni d’acqua sotto i ponti le cose sono migliorate solo per quanto riguarda il “quanto lontano posso scappare”..per il resto..nonostante abbia tentato di ribellarmi, il mio Es continua a credere che dimostrare sentimenti comporti solo il rischio di dover correre parecchio..anche se mi alleno parecchio, nella corsa naturalmente.

 

Lucy: Lo sai cos’è l’amore?
Schroeder: Amóre, s.m. sentimento di affetto vivo, trasporto dell’animo verso una persona o una cosa; profonda tenerezza; devozione.
Lucy: Sulla carta è bravissimo…

Charlie Brown – Charles M. Schulz

20130416-003255.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...