Know we can make it if we take it slow – 311

È strano, l’uomo. In quel momento facevo ancora in tempo a defilarmi ringraziando il buon dio Caso. Ma una delle innumerevoli caratteristiche che distinguono l’uomo dalla bestiola è di volerne di più. E anche quando la quantità è sufficiente, reclama la qualità. I fatti brutti non gli bastano più, vuole anche i “perché”, i “come” e i “fino a che punto”.

Daniel Pennac – La fée carabine

c’è a casa la mia nonna..è venuta o nord..

sta in cucina..è una settimana che sta attacca al calorifero..guarda fuori..murmulea “fa fridd'” e la rimane…mi ha fregato il posto a sedere attaccato al calorifero …

la mattina mi sveglia perchè devo farle il caffè..a mezzogiorno preparo il pranzo e mi chiede “ma perché nun t ne vien nu poco a’ casa cu me?””taggia fa a schiavett’ a no’?e comm’ si bell!”…la sera dice che facciamo schifo perchè mio padre lava i piatti “stu pover omm’ a faticat tutta a jurnat’..ro fall nu poc tu!?!? è duver tuoj!”

ma la mia nonna mi ha sempre trattata come una principessa.sono stata abbastanza fortunata a nonni..

quando vado a casa nonostante i tanti anni i dolori gli acciacchi e i murmurii è lei che mi prepara il caffè la mattina..

ha solo un brutto vizio…oltre a non saper mpurbarpà o purp..ha dei seri problemi con i vestiti..

da piccola vivevo con loro..quando la mia famiglia stretta si è spostata “a mlano””no a como””Ah..mo stai o nord..fai a Comes”..passavo da maggio a ottobre da loro..quando sono stata abilitata ai viaggi in solitaria ho cercato di tornare a casa il più spesso possibile..

di fatto ogni trasferta mi costava parecchio in vestiti..

alcuni li perdevo..tra gli spostamenti da una casa all’altra..da una zia all’altra…da una lavatrice all’altra (la situazione è un pò quella di una comune) alcuni nonnetta li faceva sparire..perchè: sbagliava a lavarli e faceva sparire le prove…si bruciavano allo stiraggio e faceva sparire le prove…li metteva in ordine a modo suo e sparivano risucchiati in un buco nero temporale per poi riapparire dieci anni dopo…li trovava poco consoni ad una gnignurin: sparivano e basta.

un’estate ricordo che mi ha letteralmente lasciata senza mutande..io mettevo i tanga a lavare, lei li trovava e li eliminava..metti a lavare e lei li faceva sparire..

“a’ no’ ma ‘a biancheria mia arò sta?”

“e a vuò a mè?..i nunagg’ vist nient!”

“comm no?io ho messo tutto a lavare..tutte quelle mutandine..i reggipetti?”

“mmmmm e so’ mutand e reggipett chill? nun t mitt scuorn? e che scuorn e che vergogn’! mo te vac a accatt i sei mutande…ch’ia fa cu chella robb? a’ zoccol e miezz a vi?”

“vabbè a no’…arò le mis?”

“ndà a munnezz!”

andava così più o meno..

ora è abituata a vedere mini cose..vederle..continua a non capirle..

e poi ora la posso sgridare io:

“nonna..che c’hai in bocca? che ti stai mangiando?”( è supposto che sia a dieta)

“no niente”…”nonna…?!?!” “eh…un pezzetto di mela..tenev na cosa ‘ndo stommac!”

“ah no’ a mel’?..è furmagg quala mela..!””eh abbuò, mela furmagg..niè o’stess!?”

“na mel e miezz pruvolon nunnè a stessa cos!”

20121212-004416.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...