Straight faced with misery tonight -157

«Fate i bravi». Ogni volta che Dio ripensa alla meravigliosa semplicità di quella frase, il Suo unico e originale comandamento, gli subentra in automatico un altro pensiero: quel coglione di Mosè, ecco chi. Tutta una marea di stronzate sul desiderare o meno il bue del vicino. (Mosè, si sapeva, era sempre stato un ticchio fuori di testa. Un ticchio? Quel tipo era uno schizzato bello e buono). Perché? Come gli era venuto in mente di metterci il sesso? Potere. Ambizione. Ego. Così va il mondo.

John Niven – The Second Coming

pretendo che la incapacità di organizzazione/capacità di inorganizzazione venga riconosciuta come invalidità civile…

..perdonatemi, non voglio essere blasfema, riconosco sotto ogni punto di vista che il buon Dio sia stato estremamente generoso…ma diamine..il mio è un problema..e non c’è soluzione..

in più…perchè c’è un in più..la disorganizzazione, non permettendoti di riconoscere ciò che hai già screw over..e ti ritrovi a rifarlo..ma in maniera tutta nuova..perchè ti trovi anche ad essere leggera banderuola al vento della casualità…

in una cosa però sono migliorata..(punti di vista).. in maniera totalmente insana..(punti di vista)..(secondo il mio no)…ho imparato a dividere tutti gli aspetti della mia vita in ermetici scomparti..

solo che ho mancanza d’ordine..è come per l’armadio..ci sono quei due tirati che non apri mai, che guardi ogni tanto con aria interrogativa e te ne domandi il contenuto…ma non sia mai aprirli o rovistarci dentro…e quelli che puntualmente ti scordi di chiudere e ci finisce dentro qualsiasi cosa..

nel mio caso qualsiasi vuol dire proprio qualsiasi..aka..credevo di aver buttato gli auricolari dell’aifon..erano piegati nei jeans piegati, nell’armadio..in camera di mia sorella..da 2 settimane…

ho diviso la vita nella vana illusione di mettere in ordine una cosa alla volta..volevo usare un sistema..non come al solito…che tiri fuori tutto ciò che possiedi e vuoi proprio metterlo in ordine preciso…io, a metà, vabbè un terzo, di solito mi sono rotta le scatole e rimetto le cose a caso..se siamo fortunati..spesso rimangono lì dove sono memori delle buone intenzioni e delle pessime attitudini..

non volevo che una cosa sola mi rivoltasse tutta la vita come un calzino…ma era da immaginarselo…stavo seguendo le briciole dell’ultima volta manco fossi pollicino…maledetti uccelli…quando servono qualcuno ha già rapito i piccioni..

ma:

riconosco che non sia una maniera di vivere sana;

riconosco che la vita è una, unica, unita e non permette neanche di organizzarti con i tappezzare;

riconosco che è questo che la fa bella;

ma voi riconoscetemi l’invalidità..perfavore!

20120515-002438.jpg

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. zeusmito ha detto:

    L’invalidità te la riconosco di sicuro (e non credo solo io),e riesco anche a datarla,1996
    saluti dal dio Zeus
    zeusmito@libero.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...